Sciué: Il Panino Vesuviano

 

Sciue’: Il Panino Vesuviano”, sito in Pomigliano d’Arco, è il progetto dei fratelli Giuseppe e Marco De Luca, inspirati in questa avventura gastronomica dal padre Giuseppe De Luca, già stimato professionista, con oltre venticinque anni d’esperienza nel settore della ristorazione, ideatori inoltre di “Sciue’- Pizza In Teglia“, spin- off dedito alla pizza in teglia di tradizione romana, anch’esso situato nel centro pomiglianese.

 

 

 

Insignito del prestigioso premio “Best Project 2018”, indetto da Archilovers, piattaforma internazionale che premia ogni anno un progetto architettonico, si erge tra i 500 locali più belli al mondo, ove l’idea del Bilodunk Studio di Nola si è distinta quale efficace connubio di estetica, creatività e funzionalità.

 

 

Si tratta di un vero e proprio “Burger Store” dove gustare panini “gourmet” a vocazione fortemente territorialeuna filosofia che mira sì ad offrire alla clientela ricette ricercate, affidandosi tuttavia ad una materia prima essenzialmente campana,Presidi Slow Food,  prodotti DOP e IGP, tra i quali sono da menzionare senza dubbio l’Antico pomodoro Napoli ed il San Marzano DOP di Bruno Sodano, il Conciato Romano di Manuel Lombardi, la Cipolla di Alife di Antonietta Melillo.

 

Nell’ ottica di una costante ricerca culinaria, particolarmente significativa risulta essere stata l’organizzazione, in collaborazione con il nostro Direttore Renato Rocco, della quarta tappa di “Degustì – Sapori in Circolo”, un tour degustativo enogastronomico itinerante atto alla verifica “sul campo” della proposta gastronomica dei locali supportati, ideato dalla Luigi Castaldo Group S.R.L., storico sodalizio della distribuzione in ambito “Food & Beverage”.

 

 

 

L’evento ha visto il concepimento di tre proposte gastronomiche, sapientemente abbinate alle birre del Birrificio Antoniano, ove gli ospiti hanno avuto la possibilità di esprimere in tempo reale il proprio gradimento attraverso un “like” sui social dell’evento.

 

 

Protagonista del menù “deluchiano” si erge in primis il pane, disponibile in diverse tipi di preparazioni, architrave di una proposta gastronomica variabile a seconda della stagionalità della materia prima, ove non mancano varianti gluten-free, vegetariane, vegane, a base di pesce, così come caratteristiche preparazioni di carne “al piatto”.

Ottima la selezione di birre artigianali così come ampia si presenta la carta dei vini.

 

Se da un lato “Chutney” rappresenta la proposta del mese di Febbraio, un panino rotondo con semi di papavero e di sesamo, sapientemente farcito con hamburger di scottona, foglie di spinacino, salsa “dressing” allo yogurt e appunto chutney di Cipolla di Tropea, preparazione agrodolce tipica della cucina orientale, d’altro canto “Cupido” è l’offerta gastronomica concepita esclusivamente la Festa degli Innamorati.

 

 

Si tratta di una fragrante ciabatta, da dividere romanticamente in coppia, a base di farina di tipo “0”, semi di papavero e sesamo, sapientemente farcita con salmone affumicato, maionese allo zafferano, yogurt magro e miele al peperoncino, proposta in abbinamento ad una focaccia con salsa tonnata e ad un caratteristico vino bianco, un Clos des Gars 2016.

 

Insomma un sodalizio di stampo familiare, che ad una continua e sapiente ricerca del “gusto” e del “buono”, ha saputo abbinare una difesa accorata dei prodotti e dei produttori locali.

Leave a Comment