Pizza World Cup 2019: vince Carmela Iorio

Carmela Iorio trionfa al “Pizza World Cup 2019” primeggiando su 350 concorrenti

Stravince Carmela Iorio , al “Pizza world cup 2019”: è lei la migliore pizzaiola del Mondo per la specialità “Pizza fritta”. “Carmela è na bambola”: la nota canzone partenopea sembra scritta appositamente per lei e campeggia a chiare lettere sui manifesti e i volantini che annunciano trionfalmente “la buona novella”.
La notizia ha portato grande notorietà alla cittadina della provincia napoletana, dove la campionessa planetaria prepara le sue eccezionali pizze fritte, nella Pizzeria Carmine Iorio, ereditata dal suo famoso padre, eccellente pizzaiolo mai dimenticato, esponente di rilievo di una grande famiglia specializzata nell’arte bianca.
“Carmela Iorio, nota, apprezzata e amatissima pizzaiola, napoletana di nascita e melitese d’adozione, ha conquistato meritatamente il primato assoluto della categoria, al campionato mondiale dei pizzaioli, che si è tenuto al Palacavicchi di Roma, superando una serie di severe selezioni, come da regolamento” – sottolinea il patron Alfredo Folliero, evidenziando la serietà assoluta della competizione, “scevra da interessi di parte e condizionamenti commerciali”.
Una qualificata giuria composta da maestri pizzaioli e chef stellati ha valutato Carmela e l’ha giudicata la migliore del Pianeta, alla presenza di un folto pubblico di addetti ai lavori, basandosi sulle eccellenti qualità tecniche e creative. Oltre 350 i pizzaioli in gara, provenienti da ogni dove, che si sono affrontati in 18 batterie. Carmela Iorio, con il numero 160, ha conquistato l’ambito trofeo, rendendo così famosa, per la Pizza fritta, la Città di Melito dove svolge eccellentemente la sua attività di pizzaiola, per la gioia del folto pubblico dei suoi fans.
Entusiasta il sindaco Amente che ha subito disposto una premiazione bis della campionessa, con tanto di coppa, consegnata a Carmela Iorio ad apertura dei riusciti festeggiamenti, tra gli applausi interminabili del pubblico.
“Brava, bella e buona: Carmela è la pizzaiola delle tre ‘b’ ”, afferma lo chef vesuviano Nunzio Illuminato, proprietario de La Baita del Re e gli fa eco il figlio Giuseppe Illuminato, nella Brigata del triplamente stellato Heinz Beck, tra gli ospiti alla partecipata serata di festeggiamenti organizzata al locale ristorante di Carmela: la “Pizzeria Carmine Iorio”, a Melito. La sua bravura, infatti, è acclarata e ulteriormente riconfermata dal titolo mondiale; che sia bella, è talmente evidente che nessuno potrebbe negarlo; che sia buona è altrettanto risaputo: Carmela è infatti sempre in prima linea quando si tratta di prestare la sua opera per fini benefici: è nella squadra di “cuori d’oro” che supportano con la loro opera gli appuntamenti enogastronomici d’eccellenza della serie “Insieme per il Territorio” e puntualmente presente negli eventi della rassegna solidale pluristellata “Salute, Alimentazione e Bellezza: tutto quello che molti non sanno”, entrambe ideate e organizzate dalla sottoscritta che può dunque testimoniare l’assoluta disponibilità della Campionessa a favore del Bene e innanzitutto di chi ha bisogno di sostegno.
Carmela Iorio aveva già conquistato il trofeo quale seconda classificata alla competizione planetaria, organizzata dalla notissima famiglia Folliero, oltre a una serie di tributi ottenuti sul campo, grazie ad una competenza superlativa che le consente di realizzare puntualmente un prodotto vincente, giudicato, appunto, la migliore Pizza fritta del Mondo. Questo il parere degli esperti del Palacavicchi, che hanno decretato per il 2019 la sua incoronazione quale regina dei pizzaioli della Terra. Ma va aggiunto che il folto pubblico – di addetti al settore, buongustai, aficionados del tradizionale prodotto partenopeo, estimatori dell’arte pizzaiola, consumatori abituali della pizza in generale e in particolare della fritta d’alta qualità – già da diversi anni ne aveva nei fatti riconosciuto l’assoluta competenza e bravura, nel realizzare la dorata “meraviglia delle meraviglie”, profumata di buono, gustosissima e ricca, col suo abbondante ripieno composto da prodotti genuini e freschissimi.
“Attendevamo questa meritatissima vittoria, conoscendo l’alta competenza degli impasti, l’impegno e la serietà che contraddistinguono Carmela con il suo lavoro fatto di precisione e passione, di continui aggiornamenti e ricerca incessante delle migliori materie prime disponibili sul mercato. Tutte queste spiccate caratteristiche ne fanno una delle massime esponenti del settore pizzaiolo napoletano” – afferma lo chef Valerio Giuseppe Mandile, tra i migliori emergenti del territorio, in forze nelle più prestigiose location pluristellate mondiali.
“Una mezzaluna splendente come il sole e buona da impazzire: la perfezione!” : commenta la dott.ssa Rosalia Ciorciaro, nota nutrizionista, grande estimatrice della gustosissima “fritta” di Carmela.
E sempre rimanendo nel campo della Salute, un’altra sostenitrice della specialità della campionessa, è da dott. Clara Gallerani, da sempre impegnata nella divulgazione delle qualità benefiche della fitoterapia e in particolare dell’Aloe Vera, al fianco di specialisti medici di chiara fama. E la “fritta” della campionessa, faceva impazzire l’eccellente vignettista, recentemente scomparso, Stefano Mandolese, inventore del personaggio Paperpila.
Ancora, la dorata delizia di Carmela è reputata il top da tanti importanti chef e maestri pizzaioli: oltre al maestro Alfredo Folliero e al già citati Valerio Giuseppe Mandile, Nunzio e Giuseppe Illuminato, Nicola Di Filippo, presidente dei Disciples d’Escoffier per la Campania, Michele Cuomo, presidente Associazione Pizza a Vico, Vincenzo Toppi, noto creativo di Brusciano, e tanti altri ancora… per nominarli tutti non basterebbe un libro.
“Una buona Pizza fritta di alta qualità, è fonte di energie e fa bene all’umore, purché, appunto, gli ingredienti siano genuini come quelli usati dalla nuova Campionessa in carica” – precisa la dott. Ciorciaro.
 “Il riconoscimento più che meritatamente consegnato a Carmela Iorio, premia lo spirito creativo,  innovativo ed identitario del prodotto storico partenopeo” – dichiara Rosario Lopa, portavoce della Consulta nazionale dell’Agricoltura, Dipartimento nazionale Agro-Alimentare Ambiente, Ristorazione, Turismo e Servizi Mns.
Sul gusto eccellente della bontà fritta di Carmela, sono schierati da tempo, oltre a un esercito di fans, pure giornalisti e blogger specializzati: la qualità è innegabile, la leggerezza pure, praticamente eccezionale per un prodotto fritto. Sicuramente, nessun esperto e nessuna persona onesta potrebbe non riconoscere la bravura di Carmela, campionessa del Mondo.
 “Provare per credere” afferma con sicurezza Carmela, certa delle virtù della sua buonissima pizza che, nonostante la fama, continua a essere preparata in maniera del tutto tradizionale, con pazienza, cura e amore.
“Sono felicissima: è stata una grande soddisfazione. Ho lavorato sodo per anni e anni, ho sempre cercato di migliorare la tecnica degli impasti e scelto sempre prodotti di alta qualità. Amo immensamente il mio lavoro, così come la mia famiglia, dalla quale sono stata sempre supportata nella mia attività: insieme siamo una grande squadra, oltre che una riuscita Brigata” – afferma la campionessa al colmo della gioia.
Carmela Iorio gestisce l’omonima pizzeria di Melito, località della provincia a Nord di Napoli. Ha raccolto l’eredità del padre, Carmine Iorio, maestro pizzaiolo che non c’è più. La famiglia Iorio svolge questa attività da ben tre generazioni.
Pizza fritta eccezionale, quella di Carmela: leggerezza incredibile e sonno garantito, nonostante le proporzioni alquanto generose e il ripieno altrettanto generoso e gustosissimo.
Il segreto..? Ingredienti freschissimi, tecnica perfetta, tanto amore, passione, una grande e unita famiglia che divide con lei un impegno non comune e… il resto è un segreto tramandato da generazioni e trasmesso a Carmela da papà Carmine, indimenticabile pizzaiolo vomerese, tra i primi a Napoli ai suoi tempi, un autentico maestro che ha portato in alto in nome degli Iorio nel settore pizzaiolo, insegnando ai suoi familiari il mestiere dell’arte bianca e spalancando loro le porte ai successivi successi, tanto che oggi la famiglia Iorio vanta grandi competenze nel settore a livello mondiale.
Teresa Lucianelli

Leave a Comment