Degustì a Soccavo. Errico Porzio incontra la qualità firmata DiMè

La cultura per i buoni prodotti ha incontrato la sapienza gastronomica del pizzaiolo Errico Porzio, durante la VI tappa Degustì. Il tour degustativo enogastronomico, promosso dalla Luigi Castaldi Group, ha fatto tappa nella Pizzeria Porzio di Soccavo.

“Soccavo sta conoscendo un importante richiamo turistico grazie alla nostra proposta gastronomica” spiega il maestro pizzaiolo Errico Porzio. “Nel mio locale arrivano avventori anche da fuori provincia per scoprire il gusto di una buona pizza al piatto”. Il pizzaiolo Porzio specifica le caratteristiche il suo disco di pasta. “Mi pongo in una via di mezzo fra tradizione e innovazione – afferma Porzio – la pizza che realizzo ha un cornicione nè troppo sottile, come la tradizionale ruota di carro, nè troppo pronunciato come dettato dalle nuove tendenze della pizza”.

Con Degustì a Soccavo si è prodotto valore sulla pizza, un piatto che parla di napoletanità e la diffonde nel mondo con il suo celebre tricolore. Per questa prerogativa di qualità, la pizza richiede prodotti di eccellenza del territorio campano, come i pomodori della linea DiMè. L’ortaggio mediterraneo per eccellenza proviene dalla riserva naturale del Sele, dove i pomodori vengono raccolti a mano e trattati nel rispetto della loro natura.

“Ho avuto modo di apprezzare i pomodori della DiMè, soprattutto l’ottimo Corbarino. Un prodotto che valorizza il mio operato con qualità di sapore e genuinità” ha spiegato Errico Porzio. “Durante la serata Degustì ho presentato pizze condite con la pacchetella gialla e rossa, una vera rivelazione per me e gli ospiti che erano presenti”. “La pacchetella della ditta Dimè continuerò ad utilizzarla perchè è l’unica a garantirmi caratteristiche di equilibrio nel gusto, nè troppo acido nè troppo dolce”, ha proseguito il maestro pizzaiolo.

Grande attenzione viene posta anche sul fronte del beverage con la birra, fedele accompagnamento della pizza. “Offriamo un’ampia scelta, dalle birre artigianali a quelle presenti in commercio come la Ichnusa, la Heineken e la Moretti. Ma consigliamo le qualità artigianali perchè più adatte a garantire la digeribilità durante il pasto” ha spiegato Errico Porzio. Per l’evento Degustì sono state abbinate le birre della ditta Antoniana che, nelle declinazioni Kraft, Kellner, Double e Ipa, hanno innaffiato l’eccellente disco di pasta firmato Errico Porzio.

Leave a Comment