Tre anni di Tre Farine: la ricetta di un successo imprenditoriale

 Una filosofia divenuta progetto, oggi una delle migliori offerte gastronomiche casertane
 
Tre, il numero perfetto, gli anni che raccontano, talento, impegno, ricerca e soprattutto sacrifici, ore di lavoro, unione familiare e voglia di migliorarsi sempre di più, questa la ricetta del successo del ristorante, pizzeria e caffetteria Tre Farine, il locale dei fratelli Nicola e Ivan Ferraro ubicato in un elegante palazzo ottocentesco di Caserta, che ieri sera ha festeggiato il terzo anniversario dall’apertura con un grande Gala, insieme a tutto il personale, gli amici, i fornitori, collaboratori, nonché imprenditori e autorità istituzionali.
“Le sfide in questi anni, anche se pochi, in una città come Caserta che sta vivendo una rinascita dal punto di vista culturale e gastronomico, sono state tante e sempre stimolanti – ha spiegato Nicola Ferraro, general manager di Tre Farine – ma con la passione e la forza di una famiglia come la nostra, siamo ancora qua con diversi progetti in cantiere e nuovi piatti da far scoprire”.
Oggi, il locale divenuto uno dei punti di riferimento per la cucina che si contraddistingue per la lavorazione delle migliori materie prime che il territorio offre stagione per stagione, piatti semplici senza fronzoli in cui emerge la qualità degli ingredienti, ma anche per la pizza curata da Ivan Ferraro, un settore a cui si è avvicinato nel 2005 con l’apertura di Pomopizza, un’azienda di famiglia per poi proseguire poi al Tinozzo ristorante pizzeria nel centro storico sempre a Marcianise.
Dopo una serie di corsi e master di Pizzaiolo è approdato a Caserta con il progetto Tre Farine, stravolgendo un po’ il concetto di pizza. “Posso dire che qui mi sono affermato con la nuova tendenza di pizza a ‘canotto’ – dichiara Ivan – altissima idratazione e tempi lunghi di lievitazione, cornicione molto pronunciato”.
Nel corso di questi tre anni, anche se molto in sordina, Tre Farine è stato il teatro di vari eventi: per esempio è stato scelto come set cinematografico per il film “Gramigna”, in programmazione dal 3 luglio 2018, in prima serata, sui canali Sky Cinema Hd. Inoltre, il locale è affiliato FiSar, associazione con la quale, tra le altre cose, vengono organizzati corsi di sommelier.
E, ancora, qualche mese fa è arrivato il premio imprese 2018 Confesercenti come esempio di sviluppo del territorio e sono presenti in varie classifiche delle migliori pizzerie, tra cui anche quella di Luciano Pignataro e nella guida “50TopPizza” con la menzione “da non perdere”.
“ In questi tre anni c’è chi è arrivato e chi è andato via ma anche questo ha contribuito a far crescere l’attività e ad arricchirsi di esperienza – ha aggiunto Nicola Ferraro– tutto fa esperienza ed occorre prendere la parte buona di quegli avvenimenti lavorativi che ti offrono momenti di riflessioni, il tutto per ripartire ancora con più entusiasmo. Possiamo dire che abbiamo dato anche noi una determinata impronta di formazione a chi è passato nella nostra cucina, in quello che è ovviamente un gioco di ruoli con reciprochi interscambio professionale. E siamo contenti di ciò, il tutto con l’intenzione di migliorare sempre di più per non deludere mai la nostra clientela”.
 “La voglia di mettersi in gioco, a fronte delle nuove sfide che il mercato ci propone, resta alta. Raggiunto questo traguardo non possiamo che prenderlo come nuovo punto di partenza per tante altre storie da raccontare. L’evento è nato per ringraziare chi con noi ha contribuito a questa storia: le nostre mogli, il vero motore di Tre Farine che ci accompagnano in questo progetto, gli chef, i collaboratori cucina, pizzeria, caffetteria e alla sala” concludono i due fratelli, Nicola e Ivan Ferraro.
Antonella D’avanzo

Leave a Comment